Il Dipartimento

  • Presentazione
  • Docenti del Dipartimento
  • Personale Tecnico Amministrativo
  • Personale di ricerca
  • Organi del Dipartimento
  • Informazioni e recapiti
  • Biblioteca
  • Guida ai servizi
  • Mappe
  • Post lauream
guida

Didattica

  • Dibaf e la didattica
  • Insegnamenti Didaf AA 2013/14
  • Insegnamenti Dibaf AA 2012/13
  • Insegnamenti Dibaf AA 2011-12
  • Calendario Accademico
  • Orari I sem. 2014/15
  • Attività formative a scelta
  • Guide dello studente
  • PAS A013
  • PAS A057
  • Prenotazione Aule
  • Laboratori Didattici
  • Didattica internazionale
  • Tirocini Formativi
  • Sedute di laurea
  • Dottorati di ricerca
  • Erasmus
  • Valutazione degli studenti
  • Prenotazione Aule Didattiche
Ricerca scientifica al Dibaf

Segreteria Studenti DIBAF

  • La Segreteria
  • Modulistica
  • Piano di studio individuale

Orientamento

  • Orientamento
  • Tutorato

Segreteria Amministrativa

Commissioni e Incarichi

  • Commissioni di Lavoro
  • Incarichi Docenti

Presentazione del prof. Andrea Vannini

 Andrea VANNINI è Professore Associato presso la Facoltà di Agraria dell’Università degli Studi della Tuscia, dove svolge la propria attività di ricerca e di docenza. E’ docente di “Patologia Vegetale e principi di Biotecnologie fitopatologiche” e “Patologia Forestale”

L’attività di ricerca di Andrea VANNINI si indirizza prevalentemente verso l’impatto di fattori di stress biotico e abiotico in ambienti naturali, agro-ecosistemi e ambienti urbani. In tale ambito si occupa di modelli epidemiologici, dinamica delle popolazioni e metodiche di diagnosi precoce di organismi patogeni con combinazioni di tecniche biologiche e molecolari. 
Gli studi condotti da Andrea VANNINI si sono sviluppati sin dall’inizio nell’ambito problemi fitopatologici della piante forestali in ambiente mediterraneo . Ha esperienze specifiche di ricerca nei seguenti campi:
  • Monitoraggio fitopatologico e mappe di rischio
  • Diagnostica fitopatologia classica e avanzata (marcatori molecolari)
  • Diagnostica della stabilità delle piante in ambiente urbano
  • Eziologia ed epidemiologia dei deperimenti forestali
  • Eziologia ed epidemiologia dei patogeni vegetali tellurici
  • Impatto delle malattie sugli ecosistemi forestali e sulla loro sostenibilità
  • Lotta biologica ed integrata
 
Andrea VANNINI attualmente è coordinatore di un gruppo di ricerca composto dallo stesso, da 1 ricercatrore, 2 dottorandi di ricerca, 5 assegnisti di ricerca.
 
Andrea VANNINI ha svolto e svolge la propria attività di ricerca partecipando e coordinando progetti di ricerca in ambito nazionale (PRIN, PRAL, COFIN, MiPAF, MAE, FISR) e internazionale (EC CASCADE, EC PATHOAK, EC BACCARA, EC FORTREATS, EC ISEFOR, FAO, Cooperazione bilaterale ITALIA –USA, COST, Cooperazione bilaterale MAE). E’ consulente FAO e del Ministero dell’Ambiente e Tutela del Territorio MATT per problemi ambientali. Svolge la propria attività di ricerca in Italia e in progetti di Cooperazione in Nepal (FAO) e Nord Africa – Algeria e Egitto (MATT). Mantiene attività di collaborazione con Università e Enti di Ricerca nazionali (Università di Reggio Calabria, Palermo, Firenze, Ancona; ISPAVE, CNR) e internazionali (University of California – Berkeley; Michigan State University MI; INRA-FR; INRA- Algeria; Forestry Commission – UK, Murdoch University -WA , Aberdeen University-UK ed altri). E’ titolare di 2 brevetti e autore di oltre 130 pubblicazioni scientifiche apparse su riviste “peer reviewed”, riviste divulgative, atti di convegni nazionali e internazionali e capitoli di libri.
 
Di seguito vengono descritte le linee di ricerca  svolte da Andrea VANNINI nell’ambito di progetto di ricerca nazionali e internazionali
 
Deperimenti forestali e cambiamenti climatici
L’attività di ricerca di Andrea VANNINI si indirizza prevalentemente verso gli ambienti naturali e gli ecosistemi forestali. In tale ambito si è interessato dei fenomeni di deperimento dei soprassuoli forestali approfondendo in particolare le interazione tra patogeni di debolezza – fattori ambientali – suscettibilità dell’ospite. Numerosi lavori hanno riguardato l’effetto degli stress idrici sulla suscettibilità di popolamenti forestali a patogeni di debolezza. In tale ambito si colloca anche parte della sua attività di ricerca sulla diagnosi precoce in fase latente dei patogeni di debolezza delle piante forestali. Nell’ambito dei deperimenti forestali e dell’effetto di cambiamenti climatici ha partecipato e/o coordinato numerosi progetti di ricerca in ambito EC e nazionale (EC-PATHOAK, STEP, PRIN). Attualmente partecipa quale coordinatore di Unità per il progetto BACCARA Biodiversity And Climate Change, A Risk Analysis nell’ambito del 7° Programma Quadro della Comunità Europea.
 
Impatto di Phytophtora spp. in ambienti naturali e antropizzati
Lo studio di Phytophthora spp. associate ad ecosistemi naturali e antropizzati ha caratterizzato e caratterizza buona parte dell’attività di ricerca di Andrea VANNINI. In tale ambito partecipa allo IUFRO Working Party 7.02.09 “Phytophthora Diseases of Forest Trees” e ha svolto e svolge attività di ricerca nell’ambito di progetti nazionale e Europea (EC-CASCADE, EC-PATHOAK, DIGESFAM, PRIN-MIUR, Regione Lazio-ARSIAL, Regione Lazio-PRAL). Le linee di ricerca relative riguardano l’epidemiologia e l’eziologia di malattie causate da Phytophthora spp. su latifoglie (castagno, faggio, noce, querce nonché arbusti e fruttiferi) nonché lo sviluppo di mappe di rischio e di protocolli di lotta integrata. Altra linea di ricerca riguarda gli studi sui centri di origine di Phytophthora spp.. In tale ambito Andrea VANNINI ha partecipato e organizzato 3 spedizioni scientifiche sull’Hymalaia occidentale. La prima spedizione del 2005 ha portato alla identificazione in boschi misti di latifoglie e conifere nell zone climatiche tropicale e sub-tropicale di popolazioni di P.citricola e P. nicotianae e all’isolamento di una nuova specie tutt’ora in via di classificazione. La seconda spedizione condotta nel 2007 in boschi puri di Quercus semecarpefolia, ha permesso l’isolamento di numerose Phytophthore alcune delle quali probabilmente riferibili a specie nuove.
Nel 2008 e 2010  ha organizzato 2 spedizioni scientifiche a Taiwan durante la quale ha studiato le popolazioni di Phytophthora residenti in aree naturali individuando il centro di origine di importanti specie patogene in Nord America. Dal 2008 è vice-chair dell’azione COST FP0801: Established and Emerging Phytophthora: Increasing Threats to Woodland and Forest Ecosystems in Europe
 
Patogeni invasivi
Relativamente alle problematiche associate a patogeni invasivi, collegabili in parte a quelle relative al genere Phytophthora, Andrea VANNINI è attualmente inserito in progetti nazionali quali MiPAF - DIGESFAM (Difesa e gestione delle faggete mediterranee) ed internazionali quali FORTHREATS (European Network on emerging diseases and threats through invasive alien species in forest ecosystems) e RAPRA (Risk analysis for Phytophthora ramorum, a recently recognised pathogen threat to Europe and the cause of Sudden Oak Death in the USA). Partecipa inoltre allo IUFRO working party 7.02.09. (Phytophthoras in Forest and Wildland Ecosystems). Attualmente partecipa quale coordinatore di Unità per il progetto ISEFOR Increasing Sustainability of European Forests: Modelling for Security Against Invasive Pests and Pathogens under Climate Change
 
Impatto delle malattie sull’accumulo di CO2 in ecosistemi forestali
Nell’ambito dei progetti FISR – CARBOITALY e Cooperazione Bilaterale Italia-USA – CARBOIUS, Andrea VANNINI si occupa dell’impatto delle malattie sulla fissazione del carbonio atmosferico da parte di ecosistemi forestali . Questa linea di ricerca risulta essere di grande attualità nell’ambito dell’applicazione del protocollo di Kyoto e dei crediti di carbonio.
 
Cambiamenti climatici e malattie forestali
Nell'ambito del progetto EC FP7-KBBE-2008-2B: Biodiversity And Climate Change, A Risk Analysis” BACCARA si occupa di studi di biodiversità di comunità fungine e oomiceti ina ambienti forestali lungo gradienti altitudinali e latitudinali utilizzati per simulare condizioni di aumento della temperatura e fattori climatici correlati.
 
Applicazione di remote sensing per i monitoraggi fitopatologici
Nell’ambito di finanziamenti regionali quali PRAL 2003, Provincia di Rieti e Parco Nazionale Gran Sasso Monti della Laga, Andrea VANNINI ha applicato Nuove metodologie di remote sensing per il monitoraggio del mal dell’inchiostro del castagno e lo sviluppo di mappe di rischio fitopatologico. La metodologia in esame utilizza immagini multispettrali acquisite tramite telecamere DFR e ASPIS montate su vettore aereo. Le immagini acquisite durente i voli vengono georeferenziate e restituite su un SIT per l’interpretazione. L’utilizzazione di tale metodo ha permesso di sviluppare mappe del Mal dell’Inchiostro in alcuni grandi comprensori castanicoli nel Lazio e Marche nonché a chiarire molti aspetti dell’epidemiologia di questa malattia fortemente legata alla presenza di strade transitabili con mezzi meccanici e alla presenza di una fitte rete di compluvi. Nell’ambito del monitoraggio fitopatologico anche tramite remote sensing, Andrea VANNINI partecipa al“Centre of Excellence for Climate Change and Woodland and Forest Health” coordinato dalla Murdoch University (Australia) nell’ambito della rete Australiana “Centres of Excellence in Science and Innovation”
 
 
Sviluppo di marcatori per la diagnosi “in situ”
Relativamente allo sviluppo di marcatori per la diagnosi in situ di organismi patogeni vegetali, Andea VANNINI è inserito quale partecipante e/o responsabile in progetti PRIN-MIUR e PRAL-Regione Lazio, nell’ambito dei quali è impegnato applicazione di tecniche molecolari tradizionali e avanzate (mass sequencing)  per la diagnosi di organismi patofeni nel suolo e nei tessuti delle piante ospiti.
 
Microflora dei composts
L’interesse per l’ambito della microflora tellurica ha portato Andrea VANNINI ad interessarsi di problemi relativi alla biodiversità microbica in suoli e compost coordinando le attività relative nel progetto MiPAF – VIVABIO. In particolare in tale progetto ha studiato la sopravvivenza di patogeni tellurici nei processi di compostaggio, nonché l’attivià soppressiva di compost verdi maturi verso patogeni tellurici. E’ attualmente coordinatore del progetto del MiPAF Sviluppo di una filiera produttiva florovivaistica di piante di qualità ad “emissione zero” e strumenti per la certificazione del loro ciclo colturale nel quale studia la produzione e uso di compost verdi ACV aziendali arricchiti con microrganismi utili nella filiera produttiva florovivaistica. Nell'ambito di una convenzione con la Società AQUASER del gruppo ACEA studia l'ottimizzazione e stabilizzazione di compost misti (ACM) per l'utilizzo come biofertilizzanti in ambito agricolo e vivaistico.
 
Cooperazione internazionale
Monitoraggio e lotta alla malattia del Bayoud
Nell’ambito del progetto “MAE e MIUR 2007/2008 – Lotta alla malattia del Bayoud: monitoraggio, elaborazione di modelli epidemiologici e protocolli di profilassi. Protocollo scientifico e culturale Italia –Algeria 2006-2009. Progetto di grande rilevanza” Andrea VANNINI ha svolto attività di cooperazione in Algeria interessandosi specificatamente di monitoraggio e sviluppo di protocolli di lotta contro Fusarium oxysporum fs albedinis, agente eziologico della malattia del Bayoud su Phoenix dactilifera
La coltivazione dell’olivo in Nepal
Nell’ambito deiprogetti,  FAO/Government of Nepal agreement 2005/2008. “Promotion of Olive Production and Consumption in Nepal (GCP/NEP/056/ITA)”  e MAE – IAO 2010-2013:  Assistenza tecnica e sostegno ai ministeri di linea nel settore agricolo, con enfasi alla produzione olivicola – Afghanistan, Pakistan e Nepal, oltre ad esserene coordinatore svolge attività di monitoraggio fitopatologico e lotta alle malattie dell'olivo causate da organismi nativi e invasivi in Nepal.
 
 Brevetti e applicazioni biotecnologiche
Andrea VANNINI è autore di 2  brevetti

B1. A. Vannini, F. Mencarelli, G. Chilosi e P. Magro. Procedimento per disidratare acini d’uva. Tipologia: Invenzione Industriale. Deposito N. VR2004A000071 del 23.04.2004.

B2 G. Fresci, S. Coranelli, A. Vannini, G. Vuono, G. Chilosi. Compositions suitable for botrytization. Tipology: Industrial invention. European patent number 09425093.3 - 2114.

Pubblicazioni Scientifiche degli ultimi 5 anni 

1.        G. Lucero, A.M. Vettraino, P. Pizzuolo, C. Di Stefano and A. Vannini (2007). First report of Phytophthora palmivora on olive trees in Argentina. Plant Pathology 56, 728.

2.        Miranda-Fontaíña, M.E., Fernández-López, J., Vettraino, A. M., Vannini. A. (2007). Resistance of Castanea clones to Phytophthora cinnamomi: Testing and genetic control. Silvae Genetica, vol v.56 (1) p. 11-21

3.        A.M Vettraino, L. Flamini, L. Pizzichini, A. Prodi, P. Nipoti, A. Vannini, and R. Lagnese (2008). First Report of Root and Collar Rot by Phytophthora cryptogea on Sweet Cherry in Italy. Plant Disease 92, 177.

4.        A.M. Vettraino, T. Jung, A. Vannini (2008). First Report of Phytophthora cactorum Associated With Beech Decline in Italy Plant Disease  92: 1708.

5.        A. Vannini, S. Franceschini, G. Vuono, G. Natili, R. Paganini and A.M. Vettraino (2009).  Integrated Control Protocol to Mitigate and Eradicate Ink Disease in Chestnut Orchards. Acta Hort. 844, 461-464

6.        N. Anselmi, A. Ragazzi, A. Vannini (2008) Impact of Forest Pathogens in the Mediterranean Region. Journal of Plant Pathology 90, 45-46.

7.        A.M. Vettraino, S. Sukno, A. Vannini, M. Garbellotto (2008) Comparison of diagnostic approaches for Phytophthora ramorum From California. Journal of Plant Pathology 90, 313

8.        A.M. Vetraino, S. Franceschini, B. Ceccarelli F. Abed , F. Bessedik, H. Khelafi, P. Nipoti and A. Vannini Bayoud disease: monitoring of micrioflora present in the soil of an Algerian oasis. Journal of Plant Pathology 90, 458-459.

9.        A. M. Vettraino, G. P. Shrestha, A. Vannini (2009) First Report of Fusarium solani Causing Wilt of Olea europaea in Nepal Plant Disease 93: 200

10.     A. Vannini, G. Lucero, N. Anselmi and A.M. Vettraino (2009). Response of endophytic population of Biscogniauxia mediterranea to variation in leaf water potential of Quercus cerris. Forest Pathology vol. 39: 8-14.

11.     A.M. Vettraino, G. Lucero, P. Pizzuolo, S. Franceschini and A. Vannini (2009). First Report of Root Rot and Twigs Wilting of Olive Trees in Argentina Caused by Phytophthora nicotianae Plant Disease 93: 765

12.     J.M. Bloom, A. Vannini, A.M. Vettraino, M.D. Hale and D.L. Godbold (2009). Ectomycorrhizal community structure in a healthy and a Phytophthora-infected  chestnut (Castanea sativa, Mill) stand.  Mycorrhiza; 20, 25-38

13.     T. Jung, A. Vannini, and C. M. Brasier  (2009) Progress in Understanding Phytophthora Diseases of Trees in Europe 2004–2007. In: Goheen, Frankel SJ, Eds. Phytophthoras in Forests and Natural Ecosystems Albany, CA: USDA Forest Service General Technical Report PSW-GTR-221, 3-24

14.     A. Vannini, A. Brown, C. Brasier, and A. M. Vettraino (2009) The Search for Phytophthora Centres of Origin: Phytophthora Species in Mountain Ecosystems in Nepal. In: Goheen, Frankel SJ, Eds. Phytophthoras in Forests and Natural Ecosystems Albany, CA: USDA Forest Service General Technical Report PSW-GTR-221, 54-55.

15.     A. Vannini, G. Natili, and A.M. Vettraino (2009). Studying Ink Disease Distribution Patterns on Heterogeneous Landscape by Means of Remote Sensing Activities and GIS Technology. In: Goheen, Frankel SJ, Eds. Phytophthoras in Forests and Natural Ecosystems Albany, CA: USDA Forest Service General Technical Report PSW-GTR-221, 135.

16.     A. M. Vettraino, B. Ceccarelli, and A. Vannini (2009). Susceptibility of Some Italian Ornamental and Forestry Species to Phytophthora ramorum. In: Goheen, Frankel SJ, Eds. Phytophthoras in Forests and Natural Ecosystems Albany, CA: USDA Forest Service General Technical Report PSW-GTR-221, 137-139.

17.     A. M. Vettraino, S. Suknob, A. Vannini and M. Garbelotto (2009) Diagnostic sensitivity and specificity of different methods used by two laboratories for the detection of Phytophthora ramorum on multiple natural hosts. Plant Pathology 59, 289-300

18.     A. Vannini, G. Natili, N. Anselmi, A. Montaghi and A.M. Vettraino (2010). Distribution and gradient analysis of Ink disease in chestnut forests. Forest Pathology, 40, 73-86

19.     C. M. Brasier, A.M. Vettraino, T.T. Chang and A. Vannini (2010) Phytophthora lateralis discovered in a Taiwan old growth Chamaecyparis forest. Plant Pathology 59, 595-603

20.     A.M. Vettraino, S. Franceschini, and A. Vannini (2010) - First Report of Buxus rotundifolia Root and Collar Rot Caused by Phytophthora citrophthora in Italy Plant Disease 94(2), 272

21.     A.M. Vettraino, S. Franceschini, G. Natili, R. Paganini,  G. Vuono, D. Alicicco and A. Vannini (2010).  Integrated control protocol (ICP) of ink disease of chestnut in Central Italy: principles and future perspectives.. Acta Hort. 866, 425-430

22.     Vettraino, A.M., Tomassini, A. and Vannini, A. 2010. Use of mRNA as an indicator of the viability of Phytophthora cambivora. Acta Hort. (ISHS) 866:431-434

23.     A.M. Vettraino, C. Brasier, A.V. Brown, and A. Vannini (2011). Phytophthora Himalsilva Sp. Nov. An Unusually Phenotypically Variable Species From A Remote Forest In Nepal. Fungal Biology 115, 275-287 DOI 10.1016/j.funbio.2010.12.013

24.     J. F. Webber, A. M. Vettraino, T. T. Chang, S. Bellgard, C. M. Brasier and A.  Vannini (2011) Isolation of Phytophthora lateralis from Chamaecyparis foliage in Taiwan. Forest Pathology, ISSN: 1437-4781, doi: DOI: 10.1111/j.1439-0329.2011.00729.x.

25.     A. Vannini, 2011. Did Phytophthora ramorum already invade Italian forests? A possible answer by mass sequence approach. Phytopathology 101:S182.

 

Eventi e News

comunicazione e promozione
acqua
portale
linkateneo
piattafomadidattica
almalaurea
moodle
cus
Presentazioni corsi di laurea
facebook.jpg

Bandi di Ricerca

  • Bandi Internazionali
  • Bandi Nazionali e Regionali
DIBAF - Direttore: Prof. Giuseppe Scarascia Mugnozza; Sede: Via San Camillo de Lellis s.n.c.- 01100 Viterbo.